A cura di Domenico Faniello

Anziani

Gli anziani lo sanno
Nel traguardo della vita
Vedono meglio di noi
Il sole che tramonta oltre la torre.
Escono in gruppo da sempre
Incuranti di tutto, anche ora.
Loro lo sanno, meglio di noi
Che fingiamo di essere immortali.
Ma loro ti guardano negli occhi
E forse accettano la sfida
Come cavalieri di un torneo,
Nella piazza di una vita.
Gli anziani lo sentono vicino
Il viaggio verso l’abbraccio a Dio.

Biografia autore

Daniela Ori è nata a Modena, dove vive e lavora. Laureata in Giurisprudenza, ha la passione per l’arte, la musica, il teatro, la storia e la letteratura. Scrive da sempre e partecipa a concorsi letterari pubblicando testi in varie antolo­gie. Vincitrice nel 2004 di un concorso nazionale di poesia con la poesia “Tremore”, ha pubblicato il libro L’ala nord del castello (Montedit 2004). Nel 2006 si è aggiudicata il terzo posto al concorso di poesia “Il Castello di Sopramonte” (Prato Sesia, Novara) con la poesia “Stasera”, divenuta canzone su musica del maestro Lucio Diegoli. Nel 2007 è entrata nell’associazione culturale “I Semi Neri Associazione Scrittori” http://www.semineri.it, di cui è attualmente Presidente. Suoi testi sono pubblicati in “Vite di quartiere-Sguardi inconsueti sulla periferia di Modena” (Artestampa 2010). Con “I Semi Neri” ha scritto Solitudine Giapponese e altre storie (Il Fiorino 2007), Emilia, la via maestra (Dam­ster 2010), Presenze di spirito (Damster 2011), L’Enigma del Toro (Dam­ster 2013), Soglie (Damster 2016), La casa dei segni-Viaggio nella memoria della terra del Frignano (Elis Colombini editore, 2018). L’ultimo libro da solista è una raccolta di poesie “Il giorno che non c’è” (Artestampa 2017).

I SEMI NERI Associazione Scrittori www.semineri.it costituita nel 2007, è una associazione culturale che riunisce scrittori, per promuovere e diffondere la cultura dello scrivere, con pubblicazioni ed eventi che hanno un particolare riferimento alla Storia e alle tradizio­ni. Il nome richiama il famoso indovinello ve­ronese del VIII-IX secolo: Se pareba boves/ Alba pratalia araba/ Et albo versorio teneba/ Et negro semen semenaba (Teneva davanti a sé i buoi/ Arava i bianchi prati/ E aveva un bianco aratro/ E un nero seme semi­nava). Il nome evoca la finalità dello scrittore, che semina il frutto della propria ispirazione per creare un racconto, un romanzo o una poesia. L’Associazione promuove scritti collettivi dei soci, ma anche scritti dei singoli soci con presentazioni ed eventi di lettura. Opere collettive del­l’Associazione: Solitudine Giapponese e altre storie (Il Fiorino 2007), Emilia, la via maestra (Damster 2010), Presenze di spirito (Damster 2011), L’Enigma del Toro (Damster 2013), Soglie (Damster 2016), La casa dei segni-Viaggio nella memoria della terra del Frignano (Elis Colombini editore, 2018).


Visita le pagine di chi organizza l’evento

Domenico Faniello profilo

Mi chiamo Domenico Faniello, sono nato a Matera (MT) il 30 aprile 1975 e risiedo a Matera (MT) insieme a mia moglie Tiziana e mio figlio Mattia. Ho conseguito il diploma di ragioniere e perito commerciale con il massimo dei voti e lavoro in un’azienda privata come addetta alla contabilità. Ho iniziato a scrivere a … Leggi tutto Domenico Faniello profilo



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...