La Quadratura del Cerchio: Ginevra De Marco (vol. 1)

di C.S.D. Martini Rossi

SINOSSI:

Ginevra ha lasciato Colle del Paradiso da anni. Ha lasciato la sua famiglia e quel paese ormai stretto e ipocrita con l’intento di non tornarci più. È diventata una fotografa affermata e con fatica si è ricostruita una vita lontano da un passato da cui è fuggita senza voltarsi indietro. Un passato che ha chiuso in un cassetto che non ha intenzione di riaprire mai più. Il suo proposito, però, viene improvvisamente sconvolto da un’insolita quanto inaspettata chiamata di sua madre Patrizia.

Un evento sconvolgente e tragico costringe Ginevra a fare ritorno alla casa materna, a Colle del Paradiso e al suo passato. Un passato pesante e scomodo, che avrebbe voluto dimenticare. Sua sorella Angelica è morta improvvisamente in circostanze misteriose. Una morte assurda che ha sollevato uno scandalo nel piccolo paese bigotto.

Il cadavere di Angelica è stato trovato nella casa, precisamente nel letto, di don Lorenzo, il giovane parroco del paese. Mentre i carabinieri indagano, le voci e i pettegolezzi dei paesani, tra cui anche Patrizia, hanno già espresso il verdetto. Un verdetto impietoso di colpevolezza. Ma Ginevra non si vuole fermare alle apparenze. Non vuole credere che don Lorenzo, amico d’infanzia a cui deve molto, possa aver tradito i suoi parrocchiani e la veste che porta con tanta dedizione.

Così in equilibrio precario tra il rapporto conflittuale mai risolto con la madre, il fastidio di dover guardare ancora in faccia un passato che sperava di non dover affrontare più e un affascinante capitano dei carabinieri che non la perde di vista un attimo, Ginevra si mette a indagare convinta dell’innocenza del sacerdote. Con l’intento di riabilitare sia l’immagine di don Lorenzo che quella di sua sorella Angelica. Ma soprattutto per poter finalmente chiudere i cerchi ancora aperti della sua vita.

Editore: ‎Self publishing

Pagine: 161

Lingua: italiano


BIOGRAFIA: C.S.D. Martini Rossi ha un legame con la città di Milano di amore e odio. Non ne potrebbe fare a meno perché legata ai ricordi degli anni più belli della sua vita ma da molto tempo ormai ha scelto di non viverci, optando per una località di campagna molto più tranquilla e silenziosa. La scrittura non è la sua professione, fa tutt’altro nella vita, tra cui dipingere e fare fotografie. Scrive per divertimento, quando e se ne ha voglia. I suoi romanzi sono tutti (o quasi) ambientati a Milano. Ha creato “Il detective che amava Chet Baker” per pura casualità. Sempre della serie Milano Misteriosa ha scritto il misterico storico dal titolo “Il quadro perduto di Leonardo” e ha pubblicato il primo volume di una serie giallo/rosa con protagonista la fotografa Ginevra De Marco che si trova a indagare accanto a un affascinante comandante dei carabinieri. Quando non scrive trascorre il suo tempo immersa nella sua campagna, in compagnia della pittura, della natura e della sua amata musica jazz.