Le idi di marzo

di Andrea Verrocchio

SINOSSI:

Roma 45 a.C.

Un conflitto tra un figlio e un padre, l’ambizione, la voglia di salire al potere ad ogni costo, l’assenza di scrupoli pur di arrivare ad un fine e una vendetta ai danni dell’imperatore di uno dei più grandi imperi mai esistiti. Chi sarà il giovane uomo che mosso da rabbia e desideroso di vendicare la morte del padre cadrà vittima della manipolazione di Bruto?

Intrighi, inganni, sotterfugi, emozioni e risentimenti. E, infine, il cesaricidio. L’assassinio di Gaio Giulio Cesare avvenuto il 15 marzo 44 a.C.

Le idi di marzo, opera di una cospirazione tra senatori e suo figlio, Bruto.

Editore: Masciulli Edizioni

Pagine: 116

Lingua: italiano


BIOGRAFIA: Andrea Verrocchio è nato a Pescara il 15-08-2007. Ha frequentato l’ultimo anno di scuola secondaria di primo grado. Tra le sue passioni ci sono la lettura, la storia, gli origami, l’antica arte giapponese di piegare la carta, la chitarra e il nuoto. Ha partecipato a un laboratorio di scenografia teatrale per “Il piccolo teatro dello scalo” Chieti, con gli spettacoli “Alice nel paese delle meraviglie” e “Il mago di Oz”. Scenografie fatte interamente con materiale di riciclo. Nell’agosto 2019 ha pubblicato una raccolta di poesie intitolata “I segreti delle parole: racconti in colore”, titolo preso da una poesia con la quale è arrivato terzo al concorso Il nostro Rosone, XX edizione 2017. A Dicembre 2020 esce il suo primo romanzo “Le idi di marzo” edito dalla Masciulli edizioni.